Gli obiettivi di sviluppo sostenibile

La Fondazione Achille Sclavo ONLUS è associata al SUSTAINABLE DEVELOPMENT SOLUTION NETWORK DELLE NAZIONI UNITE dal 2013 ed è stata tra i primi Associati Italiani al network

I 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals, SDG) del Programma 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, approvati dai leader mondiali all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 25 Settembre, sono ufficialmente entrate in vigore il 1 Gennaio 2016. Questi nuovi obiettivi si applicano a tutti i paesi, e li guideranno per i prossimi quindici anni, attraverso gli sforzi per terminare ogni forma di povertà, combattere malattie ed ineguaglianze ed affrontare le cause del cambiamento climatico, assicurandosi che nessuno rimanga indietro.

I SDG riconoscono che l’obiettivo di terminare la povertà deve necessariamente andare di pari passo con strategie che, oltre a stimolare la crescita economica, affrontino una vasta gamma di bisogni sociali, quali l’educazione, la salute, la protezione sociale, opportunità lavorative, il tutto tenendo in mente il cambiamento climatico e la protezione ambientale.

I17 SDG non sono legalmente vincolanti, ma ci si aspetta che i governi mondiali seguano le loro indicazioni nello stabilire le regole nazionali per il loro conseguimento. I singoli paesi hanno la responsabilità di approfondire i SDG, monitorando il progresso nell’attuarle, anche attraverso la raccolta di dati. Relazioni a livello regionale sfoceranno in analisi a livello nazionale, che a loro volte convoglieranno nelle relazioni ed approfondimenti a livello globale.

sustenaible

Partecipazione della Fondazione al Network

  1. presentati i progetti sui vaccini negletti a 4 Congressi Internazionali per lo Sviluppo Sostenibile,
  2. sottomesso una proposta di Soluzione Sostenibile contro il tifo,
  3. fatto parte della stesura dei 17 obiettivi,
  4. membro attivo dell’UNSDSN (Network delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile), di SDSN-Med (Sviluppo Sostenibile per la zona del Mediterraneo), il Ramo Regionale del UNSDSN, e di SDSN Italia, il Ramo nazionale del network globale.

Crediamo che se tutti combattiamo le malattie infettive insieme, possiamo rendere questo mondo un posto migliore.

La Fondazione Sclavo è stata membro attivo del UN Sustainable Solution Network dal suo inizio, nel 2013. Visitate il nostro profilo UNSDSN qui:
https://www.unsdsn.org/sdsn-members

SDSN Mediterranean è la rete regionale per l’area del Mediterraneo del Sustainable Development Solutions Network promosso dalle Nazioni Unite(UN SDSN) e lanciato dal Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-moon nell’agosto 2012 e tutt’ora diretta dal Professor Jeffrey Sachs (Columbia University). L’obiettivo di SDSN Mediterranean è quello di mobilitare le competenze scientifiche e tecniche del mondo accademico, della società civile e del settore privato per facilitare lo sviluppo sostenibile della regione mediterranea, promuovendo conoscenza, formazione avanzata, ricerca, innovazione e facilitando la costituzione di partenariati.

SDSN Italia è il network nazionale per lo sviluppo sostenibile del Sustainable Development Solutions Network delle Nazioni Unite (UN SDSN), ospitato dalla Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) e dal Santa Chiara Lab dell’Università di Siena. Obiettivo principale di SDSN Italia è quello di accrescere la conoscenza e la consapevolezza dell’Agenda 2030 e dei suoi 17 Obiettivi (Sustainable Development Goals, SDGs) promuovendo l’interazione tra istituzioni accademiche, imprese, centri di ricerca, organizzazioni e associazioni della società civile. In stretta collaborazione con SDSN Mediterranean e con altre istituzioni, tra cui l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), SDSN Italia opera principalmente nell’area dell’educazione, dell’innovazione e della formazione con la finalità di sviluppare competenze professionali nel settore della sostenibilità.